You are currently browsing the tag archive for the ‘recovery’ tag.

Fare un salto in ospedale con l’auto d’epoca… per ricordarsi che un ictus … sei mesi fa rischiava di portarti via l’autonomia, la memoria e la libertà. Questo è il regalo che Loriano ci ha fatto lo scorso 29 Ottobre. E’ successo al San Giovanni Battista.

OLTRE 17 milioni di persone nel mondo – 200mila solo in Italia – vengono colpite da ictus cerebrale ogni anno (di queste ne muoiono 6 milioni). Senza contare poi che sono in molti quelli che seppur sopravvivono, dovranno convivere con gravi disabilità o con il terrore che l’ictus si ripresenti di nuovo. L’ictus cerebrale nel solo 2016 ha ucciso o reso invalida un’enorme quantità di persone, uomini, donne e persino bambini, rubando 116 milioni di anni di vita. E continua ad essere la seconda causa più probabile di morte nel mondo intero”.

·UNA GIORNATA PER INFORMARSI E PREVENIRE L’ICTUS
All’ictus (in inglese stroke, che significa “colpo”) viene dedicata ogni anno la Giornata mondiale (29 ottobre) e dal 2006 è stata istituita l’Organizzazione mondiale dell’ictus (World stroke organization, Wso), che coinvolge 85 Paesi nel mondo. Perché l’ictus – molto spesso invalidante – se si conosce, si può prevenire. “Investire in prevenzione oggi non è più solo intelligente, è obbligatorio – sottolinea l’associazione Alt – perché nessun governo avrà le risorse sufficienti per assistere tutti coloro che verranno colpiti da ictus o da un altro evento da trombosi nei prossimi anni. Dipende molto da noi: dobbiamo sapere quali sono le cause, modificare i fattori di rischio modificabili, imparare a riconoscere problemi nel battito del cuore in noi stessi o in chi ci sta accanto. Insomma, dobbiamo riconoscere i sintomi sospetti e agire immediatamente”.

Ricordarsi i sintomi dell’ictus può velocizzarne il riconoscimento, quindi la diagnosi e la sua cura. RAPIDO!

Ridi,

Alza il braccio,

Parla e DOmanda aiuto

queste le parole chiave che possono salvarci.

Advertisements

May anti depressants be helpfull in stroke recovery ? also in non depressed subjects ?

Double blind placebo controlled on benefit of prolonged release Levomilnacipran in ischemic stroke recovery. A phase II RCT sponsored by Pierre Fabre Medicament IRPF. First patient enrolled in France. Up to 90 participating centres, six Italian centres will join the project. Stay tuned.

October 2018
M T W T F S S
« Jul    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Enter your email address to subscribe to this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 411 other followers

Advertisements